Gita a La Graciosa da Lanzarote

Gita a La Graciosa

Nel vostro viag­gio a Lan­zarote includete una gita a La Gra­ciosa, l’isolotto che ammir­erete dall’alto del famoso Mirador del Rio. Pren­de­te­vi una gior­na­ta per godere del­la tran­quil­lità del suo paesino e delle sue spi­agge dorate.

L’iso­la del­la Gra­ciosa appar­tiene alla Ris­er­va Mari­na dell’Arcipelago Chini­jo (ter­mine che vuol dire pic­co­lo) che è la ris­er­va mari­na più grande di Europa. Ben 70.700 ettari e 6 isolot­ti: La Gra­ciosa, Ale­gran­za, Mon­taña Clara, Roque del Este, Roque del Oeste o del Infier­no e il risco de Fama­ra. Nel­la ris­er­va è vieta­to ogni tipo di pesca in mare e sono attive diverse forme di pro­tezione. Tale ris­er­va è famosa per la sua ric­chez­za nat­u­rale. L’ambiente mari­no cir­costante è infat­ti tra i più ric­chi di tutte le Canarie dal pun­to di vista bio­logi­co. Da qui anche la pre­sen­za di moltissime specie di uccel­li mari­ni (tra le specie rare si tro­va l’uccello delle tem­peste fac­cia­bi­an­ca).

Perché organizzare una gita a La Graciosa?

Se siete viag­gia­tori in cer­ca di un con­tat­to diret­to con la natu­ra, con i suoi silen­zi e la sua bellez­za ques­ta diven­ta una tap­pa fon­da­men­tale.

La Gra­ciosa è com­ple­ta­mente pri­va di strade asfal­tate, solo ter­ra o sab­bia. E’ un’isola vul­cani­ca con un pae­sag­gio brul­lo e ari­do dove non piove qua­si mai, tranne nel giorno in cui un sur­fista di bell’aspetto ti con­siglia di andare (mai fidar­si dei bei sur­fisti!). 

Lucer­tole e conigli sel­vati­ci, dune di sab­bia finis­si­ma, pietra lav­i­ca e il mare azzur­ro.  Ha solo 700 abi­tan­ti, che abi­tano per la mag­gior parte a Cale­ta di Sebo, la “cap­i­tale” dell’isola, dove si trovano il por­to e le prin­ci­pali attiv­ità tur­is­tiche. 

A Cale­ta di Sebo arriverete con il traghet­to dal por­to di Órzo­la, al nord di Lan­zarote. Pri­ma di avven­tu­rarvi in un trekking o puntare ad una spi­ag­gia, fate un giro tra le sue casette bianche con gli infis­si blu mare. In una gita a La Gra­ciosa potete godervi il mare, decidere di fare snorkelling, di andare in bici, fare kite surf o pren­dere sem­plice­mente il sole.

Come visitare La Graciosa?

In una gior­na­ta intera potete decidere se vis­itare l’isola a pie­di oppure noleg­gia­re una bici. Io con­siglio di per­cor­rere i sen­tieri di quest’isola brul­la su una bel­la moun­tain bike. Con un pò di fat­i­ca, non ci sono infat­ti cicla­bili, potrete arrivare negli angoli più nascosti di ques­ta iso­la, per­cor­ren­do i suoi sen­tiere immer­si nel pae­sag­gio esoti­co. La bici potete noleg­gia­r­la tran­quil­la­mente a Cale­ta di Sebo non appe­na arriverete sull’isola. Il noleg­gio è eco­nom­i­co, 10 euro cir­ca per l’intera gior­na­ta, com­pren­si­vo di caschet­to.

Gita a La Graciosa in bici

Quali spiagge a La Graciosa?

Vi ho già det­to che l’isola pre­sen­ta molte calette e delle spi­agge di sab­bia finis­si­ma. Tra le più famose sicu­ra­mente la France­sa e Playa de las Con­chas.
La Francesca ma ha una for­ma di fer­ro di cav­al­lo, il mare qui è qua­si sem­pre cal­mo per­ché è riv­ol­ta ver­so sud. Da qui potrete ammi­rare lo stret­to e la grande scogliera di Fama­ra. Ci si arri­va con meno di un’ora di cam­mi­no da Cale­ta de Sebo.

Playa de las Con­chas è mer­av­igliosa. Sel­vaggia, con­tiene tut­ti i col­ori dell’isola: il nero, l’oro, l’azzurro, il bian­co, il verde del­la mac­chia. La spi­ag­gia è fat­ta dal­la decom­po­sizioni di mil­ioni di pic­cole conchiglie. Io l’ho rag­giun­ta in bici con una bel­la ped­ala­ta. A trat­ti fati­cosa, ma rip­a­ga­ta dal­la vista che avrete una vol­ta arrivati. Il mare qui è un pò più agi­ta­to e ci sono cor­ren­ti. Ma tra gli scogli potete rin­fres­carvi nelle pic­cole piscine nat­u­rali. Asso­lu­ta­mente con­sigli­a­ta, anche per­ché è una delle spi­agge più belle di tut­ta la Spagna.

Playa de las Conchas La Graciosa
Playa de las Conchas La Graciosa

Gita a La Graciosa, come arrivare da Lanzarote?

Per una gita a La Gra­ciosa, dal por­to di Órzo­la partono traghet­ti cir­ca ogni 30 minu­ti. Arrivate presto la mat­ti­na così da godervi la gior­na­ta intera. Com­prate il bigli­et­to anda­ta e ritorno. Io l’ho acquis­ta­to diret­ta­mente al molo. Per mag­giori infor­mazioni : trasporto marit­ti­mo.

Se vi siete innamorati di ques­ta pic­co­la iso­la sco­prite tut­to quel­lo che c’è da vedere a Lan­zarote.

Tags from the story

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.